Il primo singolo di Daniela Martani

Il primo singolo di Daniela Martani

Daniela Martani - L'uomo che non sei

Daniela Martani - L'uomo che non sei

Daniela Martani su Instagram
Daniela Martani su Facebook
Daniela Martani su Facebook
Daniela Martani, Marco Mazzoli
Daniela Martani, Marco Mazzoli

Rassegna stampa

Dall'articolo su Dagospia del 2 maggio 2022

“È una pecora che bela” – scazzo in radio a “La Zanzara”: David Parenzo scatenato sul singolo di Daniela Martani mentre lei era ospite della trasmissione: “Cruciani sarai arrestato per aver mandato in onda queste scariche di water. È la nuova arma di Lavrov per distruggere l’esercito ucraino” – la risposta avvelenata della Martani: “ti dovrebbero radiare dall’albo, ti stai prendendo gioco dei morti…”

DAGONEWS

Scazzo in radio a “La Zanzara” dove David Parenzo ha pesantemente insultato Daniela Martani, prendendola in giro per il singolo “L’uomo che non sei”. L’ex pasionaria era ospite della trasmissione per parlare delle violenze sui rettili e, con l’occasione, farsi un po’ di pubblicità per la canzone che doveva essere trasmessa in radio.

Ma quando il brano parte, Cruciani chiede a Parenzo se riconosce chi canta e lui inizia la character assassination: “Ma è la vegana. È una roba oscena. È una violenza della musica. Cruciani, sarai arrestato per aver mandato in onda questo miscuglio di scariche di water. È la nuova arma di Lavrov per distruggere l’esercito ucraino”.

La Martani viene prese alla sprovvista, incassa la scarica di insulti, ma poi  risponde in maniera piccata sui social, tirando in ballo la violenza sulle donne: “Il 27 aprile 2022 ho deciso, e me ne pento, di partecipare a La Zanzara programma di radio 24 condotto da Giuseppe Cruciani e dallo pseudo giornalista David Parenzo perché volevo parlare della protesta contro le torture sui rettili destinati a diventare borsette e scarpe per le influencer sensibili.

Per l'occasione, avevamo deciso con cruciani di mandare qualche istante del mio singolo nuovo, “l'uomo che non sei”: è finita con Parenzo che mi copriva di offese gratuite. “beli come una pecora, sei oscena, fai pena, orribile, ridicola” sono alcune delle delicatezze di cui sono stata gratificata: senza alcuna ragione plausibile; sarebbe questo lo spirito trasgressivo e irriverente del programma? Dare addosso a una donna, umiliarla nella sua proposta artistica, farne oggetto di scherno? Parenzo, per qualche misteriosa ragione, forse dettata dalle sue connessioni politiche, gode di una sorta di salvacondotto sconosciuto ai più

A un certo punto ha detto che la mia canzone sarebbe stata usata dall'esercito russo per sterminare gli ucraini (risate di Cruciani). L'ordine dove sta? Io ricordo che per un titolo sulla patata, vittorio feltri è stato deferito, massacrato, punito. Possibile che se Parenzo vomita una oscenità del genere, nel pieno di una guerra, l'ordine si debba voltare dall'altra parte? Allora cosa ci sta a fare? A sanzionare solo quelli dalla parte sbagliata? Parenzo mi ha chiesto, per insultarmi, cosa sono io, cosa ci sto a fare; io gli ributto la domanda: cosa è lui, quale è il suo senso, posto che non è un giornalista, non ha opinioni ma solo offese, uno la cui funziona sembra essere esclusivamente quella di ferire, di fare del male, con l'intento di mortificare e sminuire le persone ed il loro lavoro mi chiedo inoltre cosa ne pensa sua moglie la giornalista Nathania Zevi di queste offese inaccettabili contro una donna.

Devo pensare che le stia bene così? Che forse anche a casa si rivolge a lei e a sua figlia in questo modo intollerabile? Mi chiedo dove siano tutti i paladini delle battaglie contro la violenza sulle donne.

Si veda anche: